• solutionlabsrl

E' ora di cambiare le scarpe antinfortunistiche?


come valutare lo stato di usura delle scarpe antinfortunistiche e capire se è il momento di sostituirle

Indossiamo le scarpe da lavoro per almeno otto ore al giorno, se non di più, e ne facciamo un uso molto intenso: è ovvio quindi che siano sottoposte a un’usura molto maggiore di quanto non succeda alle altre scarpe, incluse quelle con cui facciamo sport. Ma soprattutto, l’usura delle calzature di protezione espone a rischi maggiori di quanto non accada con le scarpe tradizionali: per esempio, una suola consumata rischia di perdere non solo le sue proprietà antiscivolo, ma anche quelle antistatiche; una tomaia mal ridotta può compromettere la stabilità del piede mentre si lavora in altezza o su superfici scivolose… Per non compromettere la sicurezza sul lavoro, né il comfort e la salute del piede, è quindi importante sostituire le scarpe antinfortunistiche con frequenza.

La data di fabbricazione delle calzature fa parte dei requisiti informativi che puoi trovare forniti con ogni paio di scarpe antinfortunistiche a norma. Genericamente la “vita media” di un paio di scarpe di sicurezza è individuata in un periodo di circa sei mesi da quando vengono messe in uso. È uno spazio di tempo ipotetico, per forza di cose generalizzato e indicativo, poiché il livello di usura e quindi la durata di una scarpa antinfortunistica dipendono da molti fattori, tra i quali la frequenza d’uso, l’ambiente in cui si lavora (le attività outdoor come il lavoro in cantiere o in agricoltura sottopongono le scarpe a stress diversi dal lavoro, ad esempio, in laboratorio o officina), gli agenti atmosferici o i prodotti chimici con cui vengono in contatto, e non ultimo la pulizia e manutenzione che viene fatta (o non fatta) alle scarpe.


5 consigli per capire quando sostituire le scarpe antinfortunistiche

Dato che le variabili che ne determinano la durata sono così tante, è utile fare con regolarità un check dello stato di usura e valutare le condizioni delle proprie scarpe da lavoro. Lo si può fare, per esempio, durante la pulizia delle scarpe.



1. controlla la suola 

La suola è la parte della scarpa che solitamente subisce i maggiori stress. Mentre esegui con cura la pulizia della suola, fai caso alla sua integrità: noti tagli o crepe? Se anche non dovessero esserci danni così evidenti, fai attenzione al suo stato generale di usura: è consumata, anche solo in parti isolate? Il materiale della suola ti sembra secco e friabile? È arrivato il momento di cambiare scarpe da lavoro.


2. osserva bene la tomaia

Una volta controllata la suola, pulisci con cura la tomaia da eventuali macchie e incrostazioni e osserva con cura se ci sono tagli o lacerazioni. Controlla con particolare attenzione le cuciture e il punto di contatto tra la tomaia e la suola: se noti scuciture o l’inizio di uno scollamento, la scarpa è da cambiare.



3. controlla l'interno

Fai attenzione anche ai dettagli: la fodera interna della scarpa è integra? Se è rovinata o ripiegata su se stessa potrebbe causare fastidi al piede e compromettere la buona postura.




4. come calza la scarpa

Indossa la scarpa e fai attenzione a come la senti: calza ancora in modo ottimale, oppure senti qualcosa di diverso da solito? La posizione del puntale è corretta? Senti compressioni o sfregamenti al piede da qualche parte? Avere una buona consapevolezza di come “senti” la scarpa antinfortunistica quando è nuova e al massimo della sua performance protettiva può aiutarti a riconoscere i cambiamenti che arriveranno con il tempo e capire per tempo quando le sue condizioni richiedono di sostituirla. 



5. la scarpa ha subito incidenti?

Può sembrare banale, ma ovviamente dovrai cambiare le scarpe antinfortunistiche se vengono in qualche modo danneggiate: dal contatto con sostanze o oggetti abrasivi, oppure se subiscono colpi o schiacciamenti. Non sottovalutare gli incidenti più “lievi” che possono subire: le scarpe antinfortunistiche proteggono la tua sicurezza sul lavoro, fai attenzione a tutto quanto possa metterla a rischio.



6. niente fai da te!

Le tue scarpe antinfortunistiche sono danneggiate? La suola si è scollata? Una cucitura è saltata? Indipendentemente dalla gravità del danno, non lanciarti in riparazioni fai da te. Oltre a rischiare di danneggiarle ulteriormente e di comprometterne l’efficacia protettiva, di certo ti ritroveresti con un paio di scarpe antinfortunistiche non più conformi alle normative di sicurezza!



SOLUTION LAB SRL | Tel. 0438 451687 | Conegliano (TV)

www.solutionlabsrl.com

4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti